SURMA
Oggi   l'economia   dei   Surma,   che   un   tempo   erano   pastori   nomadi,   dipende   principalmente   dalla   coltivazione   del   sorgo   e del   mais.   La   loro   fama   di   feroci   guerrieri   è   in   parte   motivata   dalla   continua   necessità   di   trovare   nuovi   pascoli:   le   lotte contro i nyangatom (o bumi) , loro acerrimi nemici, sono ancora all'ordine del giorno. Sembra   che   in   passato   i   surma   dominassero   la   regione,   ma   il   loro   territorio   si   è   progressivamente   ridotto   all'area   che   si estende    lungo    i    margini    occidentali    del    Parco    Nazionale    dell'Omo.    La    popolazione    surma    conta    45.000    individui, suddivisi in tre sottogruppi: i chai, i tirma e i bale. I   surma   cacciano   nel   parco   e   costruiscono   capanne   simili   ad   alveari   e   sono   famosi   per   il   combatimento   con   i   bastoni (donga) e le donne portano i dischi labiali. I   surma   sono   noti   anche   per   la   tradizione   di   dipingersi   il   corpo   di   bianco,   come   fantasmi,   utilizzando   una   sorta   di vernice   ottenuta   mescolando   gesso   e   acqua,   La   pittura   ha   funzioni   meno   ornamentali   di   quelle   che   si   riscontrano   in altre   tribù,   essendo   destinata   ad   intimorire   i   nemici   in   battaglia.   Talvolta   i   motivi   sul   torace   e   sulle   cosce   ricordano serpenti e onde. Presso   molte   delle   culture   africane   più   legate   alla   tradizione   un   corpo   in   buona   salute   è   un   dono   da   esibire   senza timidezze   o   vergogna.   Queste   culture   utilizzano   il   corpo   umano   come   veicolo   di   espressione   artistica,   un   modo   per trasmettere   messaggi   e   palesare   il   proprio   status.   Lo   considerano   la   migliore   "tela"   possibile,   degna   di   essere   decorata con ogni cura con motivi pitturali, tatuaggi, piccole cicatrici ornamentali in rilievo. Osservare   questi   motivi   fatti   per   bellezza,   con   espressività,   che   illustrano   un   talento   creativo   è   come   assistere   a   una particolare alchimia, un pò come se gli elementi della terra fossero stati infusi di vita.
Vedere   gli   africani,   con   il   corpo   ricoperto   di   motivi   ornamentali,   celebrare   i   rituali   della   vita   equivale   a   essere   testimoni di una delle più antiche e pregevoli forme d'arte. All'epoca   del   matrimonio   viene   perforato   con   una   spina   il   labbro   inferiore   per   dare   inizio   al   processo   di   allungamento   , che   richiede   circa   sei   mesi,   per   potervi   inserire   un   largo   disco   d'argilla   o   di   legno.   La   dimensione   del   disco   labiale determina   il   numero   dei   capi   di   bestiame   che   la   famiglia   può   richiedere   per   concederla   in   matrimonio.   Un   disco labiale grande può fruttare ai genitori fino a 40 mucche e 3 kalasnikov . Nessun   surma   sposerebbe   una   donna   senza   il   piattello   labiale.   Si   pensa   che   questa   tradizione   sia   insorta   all'epoca della   tratta   degli   schiavi:   se   una   donna   veniva   considerata   brutta   da   un   negriero,   non   sarebbe   stata   strappata   alla propria   famiglia.   In   altre   regioni   si   credeva   invece   che   il   disco   labiale   suggellasse   un   importante   orfizio   del   corpo,   per impedire agli spiriti maligni di entrarvi. Per i surma invece l'usanza del disco è collegata soltanto all'attribuzione di un prezzo nuziale.
La   Bassa   Valle   dell'Omo   è   unica   nel   suo   genere   in   quanto   presenta   una   straordinaria   concentrazione   di   popolazioni diverse   in   un   territorio   piuttosto   circoscritto.   Gli   storici   ritengono   che   il   sud   dell'Etiopia   sia   stato   per   millenni   una sorta   di   crocevia   culturale,   dove   i   popoli   cusciti,   nilotici,   omotici   e   semitici   s'incontravano   durante   le   migrazioni   da nord, ovest, sud ed est.    Il   paesaggio   è   vario   e   spazia   dalle   aride   savane   alle   foreste   pluviali   che   si   affacciano   sull'Omo   e   sul   Mago.   L'mmenso fiume   Omo   si   snoda   per   quasi   1000   Km,   partendo   dalla   regione   a   sud-ovest   di   Addis   Abeba   e   continuando   fino   in Kenia, per alimentare l'imponente "mare di giada", come è soprannominato il Lago Turkana a cavallo tra i due paesi. Il   fiume   attraversa   anche   i   due   santuari   naturali   più   grandi,   selvaggi   ed   inaccessibili   dell'Etiopia:   i   Parchi   Nazionali dell'Omo e del Mago.
GALLERY
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY
LINK
PHOTOEMOZIONI