I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
SARAJEVO
Venticinque   anni   fa   iniziò   l’assedio   di   Sarajevo.   Durò   quasi   4   anni   ed   è   uno   dei   più   lunghi   e   sanguinosi   che   la   storia   bellica   moderna ricordi. Volontà   di   vendetta   e   risentimento:   su   questo   stanno   seduti   gli   abitanti   della   Bosnia-   Erzegovina.   Nella   guerra   jugoslava   (1991-1999) Tudjman   e   Miloševic   –   i   leaders   del   progetto   Grande   Croazia   e   Grande   Serbia   –   aggrediscono   in   armi   la   piccola   repubblica   di   Bosnia Erzegovina   disegnandone   la   spartizione   in   complicate   carte   geo-etniche.   È   allora   che   la   Bosnia   –   nella   propaganda   croata   e   serba   diventa   la   «porta   dell’islam»   da   murare.   Ma   poi   la   Bosnia   si   allea   con   i   croati,   tutto   cambia   (salvo   i   conti   da   regolare)   e   infine,   per   gli accordi   di   Dayton   del   1995,   diventa   un   territorio   assegnato   per   il   51%   alla   federazione   croato-bosniaca   e   per   il   49%   intestato   alla cosiddetta   'entità   serba'   –   che   i   serbi   chiamano   Repubblica   serba.   Tutto   dentro   un   unico   Stato   di   Bosnia-Erzegovina.   Nelle   elezioni amministrative   di   ottobre   il   leader   dei   serbi   di   Bosnia   Milorad   Dodik   ha   poi   paventato   l’indipendenza   anche   formale   del   distretto serbo.   E   l’intricata   situazione   si   complica   per   la   presenza   in   alcune   aree   della   Bosnia   centrale   –   municipalità   di   Zavidovici   e   di   Maglaj   di   insediamenti   di   ex-combattenti   delle   brigate   mujaheddine   (rimasti   in   Bosnia   dopo   la   guerra),   di   nuovi   partigiani   dell’estremismo islamico e di giovani foreign fighters.
PHOTOEMOZIONI