P E R  U’
L’IMPERO INCA
L'Impero   inca   (Tawantinsuyu   in   lingua   aymara   e   quechua   moderne,   o   Tahuantinsuyo   in   antica   lingua   quechua)   è   stato   il   più   vasto   impero precolombiano del continente americano. La sua esistenza va dal XIII secolo fino al XVI secolo e la sua capitale fu Cuzco, nell'attuale Perù. Il   Perù   è   stato   la   culla   della   civiltà   inca,   uno   dei   maggiori   popoli   nativi   americani.   La   civiltà   Inca   unificò,   conquistando   o   annettendo pacificamente,   la   maggior   parte   dei   territori   occidentali   dell'America   del   Sud.   A   ogni   popolo   conquistato   venivano   imposti   l'idioma   e   la religione dell'impero. A loro volta, gli inca si arricchivano della cultura dei popoli annessi.
IDENTITA’ PERUVIANA
Noi   peruviani   ci   sentiamo   ogni   volta   più   orgogliosi   della   ricchezza storica   e   culturale   del   passato   e   del   presente.Dopo   aver   vissuto duranti    secoli    dando    le    spalle    alle    nostre    origini    andine,    oggi riconosciamo    il    valore    delle    Ande    e    dell’Amazzonia    per    tutto quello    che    rappresentano    in    termini    di    risorse    e    tradizione millenaria. Siamo   la   civiltà   più   antica   del   Sudamerica.Dal   nostro   territorio   e impero    sorsero    i    paesi    vicini.    Il    Perù    fu    il    centro    politico    e produttivo      della      regione,      con      una      posizione      geografica privilegiata. Il   Perù   attuale   è   popolato   da   imprenditori   che   hanno   scoperto   la capacità    di    creare    nuove    ricchezze,    affari    e    servizi.    Il    paese    ha superato   momenti   difficili   di   crisi   sia   economiche   che   politiche. Anche   se   le   istituzioni   a   tutela   dello   stato   si   trovano   in   processo   di consolidamento, ha conservato più di due decenni di democrazia. In   termini   generali,   il   Perù   è   un   luogo   accogliente,   così   come   la   sua gente    che    è    in    grado    di    offrire    un'attenzione    particolare    ai visitatori, con il cibo e le numerose celebrazioni e festività.
GALLERY
MACCHU PICHU
LA CITTA’ PERDUTA DEGLI INCAS avvolta nel mistero tra storia, astrologia e architettura
Per    gli    Inca    la    Valle    di    Urubamba    era    la    porta    della    foresta, l’antisuyu.   Il   fiume   che   l’attraversa   era   un   tempo   conosciuto   come Willka   Mayu   (Fiume      del   Sole   o   fiume   sacro)   e   il   nevaio   che   lo origina   era   chiamato      Wikklan   Uta   (Casa   del   Sole   o   Casa   Sacra).   Il culto   solare   era,   quindi,      ancestrale   nella   zone.   La   fondazione   di Machu     Picchu     risalirebbe     proprio     all’epoca     del     governo     di Pachacutec   ,   il   primo   Inca   a   lasciare   Cusco   per   conquistare   nuove regioni,     assoggettando     la     Valle     di     Urubamba,     che     divenne l’insediamento privilegiato della nobiltà Inca. Infine,    secondo    teorie    ufologiche,    la    sua    costruzione    è    persino antecedente    alla    popolazione    Inca    e    potrebbe    essere    opera    di extraterrestri,    dato    che    il    punto    di    costruzione    è    impervio, difficile   da   raggiungere   se   non   per   via   aerea.   Secondo   gli   ufologi,   il trasporto    delle    pesanti    e        voluminose    pietre    necessarie    alla costruzione   degli   edifici   di   Machu   Picchu      era   molto   arduo   per   una popolazione   che   non   conosceva   l’uso   della   ruota.   Machu   Picchu, dichiarata   Patrimonio   Culturale   dell’Umanità   Unesco   nel   1983   , eletta    nel    2007,    in    un    sondaggio    apparso    su    Internet    e    votato dalle    persone    di    tutto    il    mondo,    come    una    delle    Nuove    Sette Meraviglie   del   Mondo,   è   stata   scoperta   il   24   luglio   1911,   da   un professore      ed      esploratore      di      Yale:      Hiram      Bingham      che, appassionato    di    archeologia,    accompagnato    dalla    guida    locale Melchor   Arteaga,   giunse   fino   alla   cima   del   Monte   Machu   Picchu, dove    incontrò    due    campesinos        che    vivevano    lì    con    le    loro famiglie,      coltivando   appezzamenti   Inca.      Si   narra   che   sia   stato   un bimbo    a    indicare    all’esploratore    le    rovine    monumentali,    ma Bingham     commise     un     errore:     quello     di     credere     che     esse appartenessero   alla   leggendaria   Vilcabamba,   l’ultimo   rifugio   degli Inca   ribelli,   stando   alle   cronache   dell’epoca.   Nell’   ottobre   1912,   il Governo   Peruviano,   tramite   un   decreto,   autorizzò   lo   studioso   a scavare    nella    zona,    consentendogli    di    portare    negli    Usa    tutti    i reperti   archeologici   ritrovati   e   ci   vollero   più   di   5   anni   di   lavoro   per far    riemergere    l’intero    complesso    architettonico.    Nel    tempo,    i sacerdoti     divennero     abilissimi     officianti     per     via     delle     loro conoscenze scientifiche, in particolare quelle astronomiche. Si      narra      che      uno      dei      riti      più      importanti      fosse      quello dell’Intihuatana,   ossia   “il   posto   dove   viene   legato   il   sole”.   Durante i   solstizi,   quando   il   sole   sembrava   insistere   nella   sua   traiettoria ascendente    o    discendente,    era    compito    del    sommo    sacerdote legare   una   corda   robusta   alla   pietra   Intihuatana,   mimando   l’atto di   un   enorme   sforzo   per   soggiogare   l’astro   solare,   obbligandolo   ad
invertire   il   corso   per   far   cambiare   la   stagione.   Tutto   ciò   avveniva sotto   gli   occhi   attoniti   della   popolazione,   che   trovava   una   “valida” spiegazione    per    il    moto    degli    astri    e    soprattutto    si    sentiva rassicurata    di    essere    governata    da    gente    che    sapeva    come garantire   il   corretto   funzionamento   della   natura   e   della   società. Machu   Picchu   è   un   tesoro   nascosto   nel   profondo   della   Cordigliera delle   Ande,   dove   il   fiume   Urubamba   dà   origine   alla   Valle   Sacra degli    Incas.    Questa    città-mausoleo    ha    grandi    edifici    in    pietra sparsi   tra   il   settore   alto   (hanan)   ed   il   basso   (hurin);   nel   settore superiore   ci   sono   il   Tempio   del   Sole,   la   Residenza   Reale,   la   Piazza Sacra    con    il    Tempio    delle    tre    finestre    ,    il    Tempio    Principale,    e soprattutto   Intihuatana,   la   pietra   su   una   collina   che   confonde ancora   gli   archeologi,   in   quanto   non   si   sa   bene   se   fosse   un   altare sacro,   un   osservatorio   astronomico   o   un   orologio   solare   come   la meridiana.   Nella   parte   inferiore   si   trovano,   invece,   diversi   gruppi di   edifici   più   poveri,   che   probabilmente   costituivano   le   abitazioni, le    botteghe    ed    i    luoghi    per    l’allevamento    degli    animali.    I    due settori, alto e basso, sono collegati da stretti sentieri e scalinate. Ma   la   parte   più   impressionante   si   trova   a   nord   della   cittadella: una   scalinata   stretta   e   molto   ripida,   ma   praticabile   senza   grandi difficoltà,   sale   fino   alla   vetta   della   Huayna   Picchu   (la   Montagna Giovane),   dove   da   un’altezza   di   circa   2700m      si   potrà   osservare dall’alto    uno    splendido    panorama    che    sovrasta    tutto    il    sito archeologico    di    Machu    Picchu.    Nell’arte    Inca    confluiscono    vari elementi    delle    precedenti    culture    di    Chavin,    Tiahuanaco    e    di Chimù.    Sorprende    la    bellezza    delle    mura    della    città,    costruite pietra   su   pietra,   senza   cemento   o   materiale   incollante.   Si   narra persino    che    un    uccello,    chiamato    “Kak    ‘adlu”    conoscesse    la tecnica   per   ammorbidire   le   pietre   e   che,   forse   per   ordine   degli antichi   dei   incaici,   si   strappò   la   lingua   per   non   rivelarla.   A   Machu Picchu   si   nota   il   grande   rispetto   per   la   natura   dei   suoi   costruttori; ancora    oggi    in    essa    scorrono    acque    incardinate,    i    materiali utilizzati   sono   quelli   ritrovati   sul   posto;   l’utilizzo   dello   spazio   è finalizzato     al     massimo     rendimento.     Molti     sono     i     miti     che accompagnano    la    storia    popolare    diffusa    tra    le    popolazioni andine,   ma   tra   segreti,   misteri,   perplessità,   vi   è   una   sola   certezza: il   popolo   che   ha   realizzato   Machu   Picchu,   piena   di   acquedotti, torri   di   avvistamento,   osservatori   astronomici   e   orologi   solari,   ha dato    prova    di    grande    saggezza,    raffinatezza    culturale    e    abilità costruttiva.
GALLERY
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI