NOTTURNO AFRICANO
Le   notti   africane   possiedono   un   fascino   particolare,   a   volte,   inquietante,   ed   hanno   sempre   esercitato   un   richiamo   irresistibile.      Talvolta ispirano   serenità,   come   quando   sei   seduto   accanto   alla   sicurezza   confortante   di   un   fuoco   da   campo,   a   guardare   le   scintille   che   salgono   a confondersi   e   perdersi   nel   cielo   stellato,   altre   volte   il   fascino   è   quella   sottile,   sensuale      angoscia   del   non   poter   vadere   cosa   si   muove attorno   a   te   mentre,   magari   seduto   in   un   blind   di   foglie,   attendi   l'arrivo   dell’alba   ed   allora   è   inevitabile   che,   nella   tua   mente,   sovraccarica di   emozioni,   si   materializzi   l'immagine   di   antiche   notti,      di   un   lontano   antenato,   seduto   nel   buio   ad   attendere   un      mattino   che   gli   pare lontanissimo,   stringendo   tra   le   mani,   fino   a   farle   dolere,   una   lancia   dalla   punta   di   selce,   mentre   cerca   di   perforare   l'oscurità   con   occhi   fatti per la luce del giorno e spera di poterla ancora vedere quella  luce del nuovo sole che sorgerà. Nelle   notti   d'Africa   tutto   è   possibile   e   tutto   può   accadere,   le   cose   più   belle   ed   incredibili,   come   quelle   più   terrificanti.   Ma   non   è   forse   lì   che sta   il   fascino   dell'ignoto?   Non   è   forse   quella   sensazione   che   ti   chiude   talvolta   la   bocca   dello   stomaco   che   l'uomo   va   cercando   da   secoli   e   che lo spinge nelle foreste, nelle savane, nella tundra, sulle più alte montagne o sulla banchisa artica? Gianni Olivo
GALLERY
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI