I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
Per   mettere   le   mani   sulle   immense   risorse   di   gas   della   penisola      Yamal   ,   vasto   territorio   al   di   sotto   del   Circolo   Polare Artico,   il   gigante   del   gas   russo   Gazprom,      braccio   economico   del   Cremlino,   è   accusato   di   aver   messo   a   tacere   questo popolo   nomade   atipico   che   ha   sempre   vissuto   con   le      renne   e   la   pesca.   Con   40.000   membri,   i   Nenets   è   il   primo   gruppo etnico nel paese. Persone   sciamaniche,   i   Nenets   hanno   sempre   coltivato   un   rapporto   carnale   con   la   terra   dei   loro   antenati.   Anche   se braccati   e   raggruppati   in   fattorie   collettive   da   un   regime   stalinista   che   aveva   dichiarato   la   caccia   ai   kulaki   (proprietari terrieri),   si   ricordano,   senza   odio   né   rancore,   quando   è   iniziata   l'esplorazione   del   gas   circa   quaranta   anni   fa.   Da   allora   lo stile di vita tradizionale dei Nenets è notevolmente cambiato. Ma,    in    cambio,    Gazprom    e    altri    versano    milioni    di    rubli    sulla    regione,    permettendo    di    costruire    scuole,    edifici    e, soprattutto,   creare   posti   di   lavoro   nei   campi   di   estrazione   del   gas.   Il   tasso   di   disoccupazione   (1,2%   della   popolazione attiva) è uno dei più bassi in Russia e della popolazione (14 nascite per 1.000 abitanti) è in gran parte positiva A   Yar   Sale,   i   bambini   nenets      ricevono   un'istruzione   nel   moderno   collegio   del   villaggio   e   studiano      la   letteratura   e   la   lingua russa   per   due   ore   alla   settimana,   mentre   si   parla   la   loro   lingua   madre   nel   parco   giochi.   I   loro   spettacoli,   eseguiti   nella   sala delle   sagre   paesane,   si   mescolano   al   folklore   e   musica   pop   russa.   In   estate   poi,   gli   studenti   si   uniscono   ai   loro   genitori nella tenda nella tundra. Ma   una   volta   completati   gli   studi   la   maggior   parte   dei   giovani   Nenets   preferisce   la      città   per   trovare   lavoro.   Sradicati   dal loro territorio e dalle loro famiglie, alcuni di loro cadono nella depressione e nell’alcool.
IL POPOLO NENET
Yamal Siberia
Le   foto   di   questo   reportage   sono   state   scattate   nella   regione   Yamal-Nenets   che   si   trova   nella   pianura   siberiana   occidentale   abitata   dai   Nenets,   un   popolo che in parte ancora vive dell'allevamento delle renne nella tundra e che  pratica ancora  il nomadismo seguendo le rotte di migrazione del bestiame. Oggi,   solo   il   10%   dei   popoli   tribali   siberiani   vive   una   vita   nomade   o   semi-nomade,   mentre   30   anni   fa   la   percentuale   era   addirittura   del   70%.   Sono sopravvissuti agli zar, alle rivoluzioni comuniste e a quelle liberiste grazie all'ambiente assai rigido in cui vivono. Le   tende   dei   Nenets   sono   molto   simili   a   quelle   dei   nativi   americani,   hanno   un   sistema   di   smontaggio-montaggio   molto   veloce   e   sono   ricoperte   di   pelli   di renna e teli di feltro. All'interno c'è una stufa alimentata con legna di betulla che mantiene caldo l'ambiente. La   renna   è   il   fulcro   della   vita   dei   Nenets,   la   carne   è   importante   per   l'alimentazione   e   per   l'economia   di   questo   popolo,   le   pelli   nella      vita   di   tutti   i   giorni   per   le tende, le slitte e parte dell'abbigliamento. La   minaccia   principale   che   incombe   sul   futuro   dei   nenci   non   è   di   natura   demografica,   tant’è   che   il   loro   numero   è   in   aumento   e   nel   censimento   del   2002   era stimato    a    41.302    unità,    ma    l’assimilazione    nel    contesto    sociale    locale    che    favorisce    la    perdita    della    loro    cultura.    La    scolarizzazione,    il    processo    di insediamento sedentario e anche lo sfruttamento del gas e del petrolio che minacciano l’ambiente in cui vivono mettono a rischio il loro stile di vita.
Ottobre 2015
Temperature    fino    a    50,    60    gradi    sotto    zero.    Neve,    neve    e    ancora    neve.    Sono    questi    gli    inverni    che caratterizzano   la   regione   siberiana   dove   ancora   oggi   vive   l’antico   popolo   nomade   degli   Nenet,   i   pastori   di renne.   Proprio   con   le   renne   gli   uomini   riescono   a   spostarsi   da   una   parte   all’altra   dell’immenso   territorio   che comprende    quasi    tutto    il    nord    del    continente    asiatico.    Antiche    tradizioni    della    popolazione,    difficoltà quotidiane, e soprattutto modalità di adattamento a una natura così ostile per l’insediamento umano.
GALLERY
SCOPRI YAR SALE SCOPRI YAR SALE
Il   villaggio   di   confine   nella   tundra   dove   i   nenets vivono     al     termine     della     transumenza     delle renne.   Prima   poche   catapecchie   di   legno,   oggi nuovi edifici e scuole per le giovani generazioni.
NENETS un popolo in cammino
PHOTOEMOZIONI