NAMIBIA
terra di contrasti
S ita   nell'Africa   meridionale,   la   Namibia   è   una   meta   che   ha   tutte   le   carte   in   regola   per   far   innamorare   con   i   suoi   spazi illimitati,   bellezze   a   perdita   d’occhio   che   la   rendono   una   delle   realtà   predilette   del   continente   nero.   Il   suo   fascino   è sicuramente   legato   alla   natura,   un   sapiente   mix   di   paesaggi   (quasi   il   14%   dei   territori   del   Paese   è   zona   protetta),   tanto da   meritare   l’appellativo   di   “terra   dei   contrasti”   per   le   sue   molteplici   dimensioni   ambientali   e   culturali,   un   vero   e proprio   mosaico   di   lingue   ed   etnie   là   dove,   ad   alternarsi,   l’aridità   del   deserto   del   Namib,   il   più   antico   della   Terra,   le dune    color    rosso    fuoco    di    Sossusvlei    o    ancora    pianure    ondulate,    altopiani,    spettacolari    formazioni    geologiche, splendide   riserve   fino   ad   arrivare   alle   coste   disabitate   che   si   tuffano   sull’Oceano   Atlantico,   un   puzzle   di   colori   ed emozioni in grado di lasciare il segno, nel cuore e nella memoria.
IL DESERTO DEL NAMIB Con   i   suoi   silenziosi   giganti   di   sabbia   e   roccia,   si   pensa   che   sia   il deserto     più     vecchio     del     mondo.     Mentre     le     dune     si     sono probabilmente   formate   dai   40   ai   15   milioni   di   anni   fà,   si   calcola che   negli   ultimi   80   milioni   di   anni   il   deserto   sia   stato   da   semi-arido ad   arido.   Queste   bellissime   sinuose   dune   nell'area   di   Sossusvlei sono   classificate   paraboliche   o   multicicliche   e   sono   comuni   lungo le   coste   dove   i   venti   soffiano   regolarmente   e   dove   c'è   abbondanza di sabbia. Con   l'aiuto   del   vento,   di   solito   le   dune   si   formano   intorno   ad   un ostacolo,   come   la   vegetazione,   un   sasso   o   anche   sabbia   a   grana grossa.   I   venti   prevalenti   scolpiscono   i   profili   e   le   curve   delle   dune. Essi   sospingono   continuamente   i   granelli   di   sabbia      verso   la   cima del    lungo    pendio    dell'ondulata    duna    e    li    spargono    nell'aria, trascinandoli    sottovento,    verso    il    basso,    dove    la    sabbia    cade    a cascata.    Le    cime    delle    dune    rimangono    affilate    a    causa    dei mulinelli   di   vento.   Questi   venti   circolari   soffiano   dalla   base   della duna    verso    la    cresta    della    stessa.    Essi    mantengono        la    sua superficie   ripida   ed   aiutano   i   venti   prevalenti   a   distribuire   sabbia sulle dune circostanti.
La   tua   ombra   cambia   forma   in   viaggio,      si   spezzetta   nel   sole,   si   frantuma   sui   sassi,   vibra   fra   le   voci   di   un   mercato,   si irrigidisce   nel   tedio   di   una   pianura.   Danza   su   un   telo   mosso   dal   vento,   si   impenna   nel   riflesso   del   sole   dando   al   tuo profilo angoli bizzarri. Vedendo l'ombra cambiare, ti accorgi che muovendoti non rimani mai uguale. Marco Aimè, Sensi di viaggio
ETOSHA un santuario di animali selvatici
Nel   caldo   soffocante   del   sole   di   mezzogiorno   gli   animali   si   raccolgono   intorno   ad   una   pozza   d'acqua.   Quest'ora   del   giorno   è   la   migliore   per   gli animali    assetati    perchè    sono    relativamente    sicuri    dagli    attacchi    dei    predatori,    che    si    riposano    per    evitare    la    canicola    del    mezzogiorno. Comunque,   gli   animali   sono   vigilanti;   alcuni   sembrano   stare   all'erta   mentre   gli   altri   bevono.   Le   sorgenti   dell'Etosha   sostengono   una   ricca diversità   di   mammiferi   ed   uccelli,   comprese   specie   rare   e   in   via   d'estinzione   come   l'impala   dal   muso   nero,   il   roano,   il   rinoceronte   nero   e   la   più piccola   antilope   della   Namibia,   la   Damara   dik-dik.   Una      ricerca   fatta   sulle   sorgenti   dell'Etosha   ha   dimostrato   che   animali   diversi   preferiscono andare all'abbeveraggio in tempi diversi.
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY
GALLERY
LINK
PHOTOEMOZIONI