myanmar
Nella   storia   birmana   l'arte   è   sempre   stata   fortemente   legata   alla   religione   e   alla   famiglia   reale.   Templi,   pagode   e palazzi   facevano   sfoggio   delle   capacità   artistiche   di   pittori,   intagliatori   e   scultori.   I   templi   e   le   pagode,   molti   dei   quali ancora   in   piedi,   venivano   tradizionalmente   costruiti   con   mattoni.   I   grandi   palazzi,   invece,   erano   di   legno,   e   soltanto una   di   queste   magnifiche   strutture   intagliate   sopravvive,   in   totale   stato   di   abbandono.   L'arte   e   l'architettura,   finanziate dalla famiglia reale, scomparvero con la caduta dell'ultimo regno.
Benché    la    cultura    di    corte    sia    totalmente    scomparsa,    quella    popolare    e    di    strada    è    ancora    fiorente.    Le rappresentazioni   teatrali   sono   al   centro   di   questa   cultura,   e   quasi   ogni   festa   è   una   scusa   per   mettere   in   scena   un pwe    (spettacolo).    Si    tratta    di    rappresentazioni    che    traggono    spunto    sia    da    leggende    buddhiste    sia    da intrattenimenti   più   leggeri   come   farse,   danze,   cori   o   spettacoli   di   marionette.   La   musica   birmana,   parte   integrante di    un    pwe,    è    originaria    del    Siam    e    si    fonda    molto    sul    ritmo    e    sulla    melodia.    Gli    strumenti    musicali,    tra    cui predominano le percussioni, sono tamburi, arpe, gong e flauti di bambù.
I l   buddhismo   theravada,   è   praticato   da   oltre   l'85%   della   popolazione   birmana.   La   regione   di   Rakhine,   vicino   al Bangladesh,   è   a   maggioranza   musulmana.   I   missionari   cristiani   hanno   evangelizzato   molti   membri   delle   tribù delle colline, gran parte dei quali, però, rimane di credo animista.
gallery
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI