I   circa   8000   mursi   prevalentemente   dediti   alla   pastorizia,   si   spostano   secondo   le   stagioni   tra   la   pianura   di   Tama e   i   monti   Mursi,   all'interno   del   Parco   Nazionale   del   Mago.Alcuni   praticano   l'agricoltura   sfruttando   i   terreni   resi fertili   dalle   esondazioni   del   fiume,   specialmente   nelle   zone   in   cui   la   presenza   della   mosca   tse   tse   impedisce l'allevamento. Il   miele   viene   raccolto   da   alveari   costruiti   con   corteccia   e   sterco   bovino.   La   lingua   mursi   è   di   ceppo   nilotico- sahariano. Fra   le   tradizioni   più   note   di   questo   popolo   ci   sono   i   feroci   combatimenti   con   i   bastoni   fra   gli   uomini   e   i   dischi labiali   portati   dalle   donne.   Questi   dischi   d'argilla,   che   misurano   fino   a   15   cm.   di   diametro,   vengono   inseriti all'interno   di   un'incisione   praticata   nel   labbro   inferiore.   A   causa   dell'evidente   somodità   le   donne   li   indossano soltanto in occasioni particolari, lasciando di solito pendere il labbro inciso. Secondo   gli   antropologi   questa   consuetudine   sarebbe   nata   come   deterrente   per   i   mercanti   di   schiavi,   che cercavano   donne   prive   i   difetti   estetici,   oppure   per   impedire   al   male   di   penetrare   nel   corpo   attraverso   la   bocca, o ancora per indicare il nuemro di capi di bestiame richiesti dalla famiglia della donna per darla in sposa.
MURSI
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI