MONGOLIA
la terra di Gengis Khan
La   Mongolia   è   uno   dei   pochi   Paesi   al   mondo   che   sa   regalare   ancora emozioni   pure.   E’   la   terra   leggendaria   di   Gengis   Khan,   più   vivo   che   mai, degli   sciamani,   dei   bambini   monaci   che   recitano   gli   antichi   mantra   in monasteri    sperduti,    dei    nomadi    legati    senza    compromessi    ai    riti antichi   e   ai   ritmi   feroci   della   natura;   delle   mandrie   di   cavalli,   cammelli e   yak   ma   anche   degli   animali   rari   e   selvatici   che   popolano   scenari stupefacenti   di   steppe,   deserti,   montagne,   laghi,   foreste   e   quel   cielo così   alto   e   luminoso   che   sembra   appartenere   a   un   altro   pianeta.   La Mongolia   custodisce   due   anime.   Quella   dolce   e   antica   dei   nomadi   che vivono   silenziosi   nelle   gher,   le   candide   tende   di   feltro   appoggiate   a   un territorio     grande     cinque     volte     l’Italia     e     schiacciato,     non     solo geograficamente,   tra   Russia   e   Cina.   E   poi   c’è   l’anima   disorientata   della capitale   Ulaanbaatar,   una   sorta   di   meteorite   occidentale   precipitato   al centro    dell’Asia:    una    città    strana,    gelida    e    affascinante,    lontana    e familiare     insieme,     piena     di     belle     sorprese.     Un     viaggio     senza compromessi     che     saprà     incantare     anche     per     le     sue     memorie leggendarie,   come   Karakorum,   l’antico   centro   dell’impero   più   grande della   storia,   o   per   i   “giacimenti”   di   dinosauri   rinvenuti   nel   Gobi,   o   per   i suoi    aspetti    più    spirituali,    come    i    monasteri    di    Amarbayasgalant, Gandan    e    Erdene    Zuu,    oltre    alle    meraviglie    naturali    entrate    nel patrimonio dell’umanità. (dalla    scheda    del    libro    "MONGOLIA    -    L'ultimo    paradiso    dei    nomadi guerrieri" di Federico Pistone, Polaris 2008.)
L'ULTIMO PARADISO DEI NOMADI GUERRIERI
Un   viaggio   affascinante   dal   deserto   del   Gobi   vicino   ai   confini   della   steppa   e      agli   uomini   renna.   I   nomadi   nelle loro jurte, i monasteri di Erdenne Zune e Amarbaysgalan. Spazi   infiniti   dove   cavalcano   solitari   i   cavalieri,   eredi   di   un   mondo,   quello   di   Gengis   Khan,   che   rivive   nei   lori gesti;   poi   le   dune   del   deserto   del   Gobi,   le   mandrie   e   le   carovane   di   cammelli,   i   costumi   dei   nomadi,   il   bianco delle yurte.
G A L L E R Y  
MONACI
AMARBAYASGALANT, UNA MERAVIGLIA MISTICA SPERDUTA NELLA STEPPA
Sembra   uno   scioglilingua.   E   invece   è   uno   dei   luoghi   più   magici   della   Mongolia   e   del   buddhismo.   Il   monastero   di   Amarbayasgalant   si   trova   oltre   duecento chilometri   a   nord   di   Ulaanbaatar,   nell'aimag   di   Selenge:   la   strada   è   comoda,   fin   troppo,   fino   a   Darkhan   ma   poi   si   entra   nelle   piste   più   selvagge   per   una cinquantina   di   sofferti   chilometri.   Poi   d'incanto   si   materializza   una   visione   da   sogno.   La   giornalista   Ilaria   Maria   Sala,   attenta   testimone   delle   realtà asiatiche,   lo   descrive   così:   "Amarbayasgalant   è   un   tempio   meraviglioso,   situato   in   mezzo   a   una   prateria   sconfinata,   un   complesso   architettonico   rosso amaranto   che   spunta,   incredibile,   in   fondo   a   una   valle   dopo   ore   e   ore   in   cui   l'occhio   non   ha   incontrato   altro   che   mandrie   di   cavalli   e   di   pecore,   cammelli, lupi,   yak   e   aquile,   e   appena   qualche   tenda   circolare   di   feltro   bianco,   la   ger"   (da   "Il   dio   dell'Asia",   Il   Saggiatore   2006).   Il   complesso   è   stato   costruito   dal 1727   al   1736   per   commemorare   Zanabazar,   il   grande   artista   e   statista   della   Mongolia   del   XVII   secolo   il   cui   corpo   è   stato   poi   qui   tumulato   nel   1779.   Dal 1943   è   stato   inserito   nelle   zone   protette   e   dal   1996   è   patrimonio   culturale   dell'Unesco.   Purtroppo   10   dei   37   templi   sono   stati   distrutti   durante   le   purghe sovietiche   degli   anni   Trenta,   quando   vennero   uccisi   quasi   tutti   i   settemila   monaci   che   abitavano   il   monasero.   Resta   comunque   una   delle   testimonianze più   imponenti   e   mistiche   del   buddismo   lamaista   mondiale   e   oggi   nell'Amarbayasgalant   vivono   a   tempo   pieno   una   cinquantina   di   monaci,   la   maggior parte giovanissimi.
G A L L E R Y
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it   Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI