maramures
Situata   all'estremo   nord   della   Romania,   al   confine   con   l'Ucraina,   la   regione   di   Maramures   conserva   intatte   le   tradizioni   ancestrali   in un   ambiente   da   favola   in   cui   il   tempo   sembra   essersi   fermato   e   dove   i   contadini   lavorano   ancora   con   strumenti   altrove   scomparsi. Abitata   dai   discendenti   dei   Daci   liberi   che   hanno   dato   filo   da   torcere   all'esercito   romano,   Maramures   è   una   zona   conosciuta   per   le sue   feste   popolari,   per   gli   splendidi   costumi   indossati   ancor   oggi,   per   l'architettura   delle   case   e   delle   chiese   dai   tetti   aguzzi   costruite esclusivamente   in   legno   e   per   i   caratteristici   portici   intagliati   delle   case.   Una   volta   a   Maramures,   ci   si   rende   conto   che   qui   il   legno   non è   soltanto   un   materiale   di   costruzione,   ma   il   modo   in   cui   è   utilizzato   e   valorizzato   ti   fa   pensare   ad   una   cultura   dove   il   legno   sotto   le mani   degli   artigiani   prende   un'anima,   acquista   una   sua   personalità.   Le   chiese   in   legno   caratteristiche   del   Maramures,   anche   se   le troviamo   in   altre   regioni   della   Romania,   rappresentano   la   quinta   essenza   dell'arte   della   lavorazione   del   legno.   Nella   loro   costruzione non è stato utilizzato il ferro neanche sotto la forma dei chiodi, tutto è realizzato a incastro.
la gioia
Agosto   è   il   mese   del   ritorno   in   famiglia   dopo   tanti   mesi   passati   in   paesi   stranieri   al lavoro.   E'   anche   il   mese   dell'amore.   Tante   coppie   si   uniscono   in   matrimonio   nella loro   terra   e   fanno   festa   con   i   loro   cari   ed   amici.   A   settembre   tutto   torna   quieto.   I giovani   sono   ormai   partiti,   il   lavoro   non   può   attendere,   lasciando   solo   gli   anziani ed   i   vecchi.   Molto   spesso   la   loro   solitudine   è   allietata   dai   bambini   a   loro   affidati   dai figli che non possono occuparsene lavorando all'estero.
il dolore
La    morte    è    dolore,    vuoto    assoluto,    sofferenza.    Quelle    croci    ricordano    ad ognuno   che      chi   giace   lì   sotto   ha   prima   vissuto.   Ed   ancora   oggi   il   suo   ricordo unisce chi l'ha conosciuto e le persone a cui ha voluto bene.
la vita
in mezzo
Tutto   scorre   lentamente   con   i   ritmi   della   natura.   Il   lavoro   nei   campi   inizia presto   al   mattino.   Uomini   e   donne   con   le   loro   falci   fienaie   accumulano   il fieno    nei    numerosi    pagliai.    L'inverno    è    rigido    e    gli    animali    nelle    stalle devono   essere   accuditi   ogni   giorno.   Così   da   millenni...   per   quanto   ancora non   è   dato   sapere!      La   globalizzazione   è   arrivata   ovunque   e   cambia   la gente. Questa gente così laboriosa e cordiale resisterà?
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI