Il    MALI    è    uno    fra    gli    stati    africani    più    interessanti    dal    punto    di    vista etnografico.    Situato    alle    porte    dell'Africa    Nera,    ma    strettamente    legato    al deserto    che    ne    occupa    la    maggior    parte    del    suo    territorio,    questo    paese affascina   con   la   magia   del   suo   sontuoso   passato   e   dei   suoi   sahariani   orizzonti. Vi   si   ritrova   l'Africa   delle   origini   dove   la   vita   è   rimasta   quella   di   sempre:   il miglio   pestato   ancora   nei   mortai,   l'acqua   attinta   ai   pozzi,   il   mercato   che   attira le   genti   dai   villaggi   più   remoti.   Il   Mali   e'   paese   in   cui   oltre   venti   diverse   etnie hanno    saputo    conservare    ciascuna    il    proprio    idioma,    i    propri    costumi    e soprattutto   l'arcaica   nobiltà,   non   cancellata   dai   loro   fieri   sguardi   dalla   miseria attuale. A   sud   della   grande   ansa   formata   dal   Niger   (il   terzo   fiume   d'Africa   dopo   il   Nilo ed   il   Congo)   vive   in   una   terra   arida   ed   assolata,   una   di   queste   etnie   tra   le   più enigmatiche    dell'intero    pianeta:    i    Dogon.    I    loro    villaggi    sono    disseminati sull'orlo   ed   ai   piedi   della   famosa   ‘falesia’   di   Bandiagara;   alta   circa   400   metri, questa   dirupata   parete   rocciosa   attraversa   il   Sahel   per   oltre   200   chilometri. Nel   mondo   verticale   della   falesia   i   Dogon   hanno   costruito   i   loro   villaggi   di fango    collegati    fra    loro    da    aeree    scalette    di    legno    e    vertiginosi    sentieri; allevano    capre    e    coltivano    piccoli    orti    di    terra    riportata,    strappati    spesso faticosamente   alla   roccia.   Grazie   all'inacessibilità   del   loro   territorio,   i   Dogon sono   riusciti,   nel   corso   dei   secoli,   a   sottrarsi   all'influenza   mussulmana   prima   e coloniale   poi,   conservando   la   religione   animista   e   le   antiche   tradizioni.   Questo popolo    ritenuto,    a    torto,    sino    a    trent'anni    fa    primitivo    ed    arretrato,    si tramanda      invece      da      tempo      immemorabile      straordinarie      conoscenze scientifiche sulla nascita e sul movimento delle stelle. Visitare   i   villaggi   Dogon   significa   entrare   nel   mistero   di   questo   popolo   e   della sua   cultura   tramandata   gelosamente   senza   lasciare   alcuna   traccia   scritta.   E' senza   dubbio   un'esperienza   dai   vasti   contenuti   culturali   ed   umani   che,   da   sola, può tranquillamente rappresentare il clou di un viaggio in Mali.
In   BURKINA   FASO   ci   sono   più   di   60   gruppi   etnici   con   caratteristiche   sociali   e   culturali   diverse,   anche   se   tutti   ci   tengono   a   definirsi   burkinabé.   I   gruppi   principali   sono   i Bobo,   che   vivono   nella   zona   della   città   di   Bobo-Dioulasso,   i   Fulani,   i   Lobi   e   i   Sénufo,   ma   il   gruppo   nettamente   dominante   è   costituito   dai   Mossi.   I   Mossi   discendono   da un   impero   regale   e   l'imperatore,   o   moro-naba,   ha   un   ruolo   importante   e   grande   influenza   sociale.   Alcuni   discendenti   dei   Mossi   sono   musulmani   ma   il   Burkina   Faso   è uno dei pochi paesi dell'Africa occidentale a maggioranza non musulmana, dove gran parte della popolazione segue ancora le credenze animiste tradizionali. Ogni   gruppo   etnico   ha   la   propria   arte   ma   le   tradizioni   artistiche   dei   Mossi,   dei   Bobo   e   dei   Lobi   sono   le   più   famose.   I   Mossi   sono   noti   per   le   loro   maschere   di   antilope incredibilmente   alte   (più   di   2   m)   e   dipinte   di   rosso   o   bianco.   Queste   maschere   vengono   indossate   durante   i   funerali   e   i   lavori   di   raccolta   e   conservazione   di   alcuni frutti.   Le   maschere   dei   Bobo   sono   invece   a   forma   di   grandi   farfalle,   dipinte   a   strisce   rosse,   bianche   e   nere,   usate   per   invocare   la   divinità   Do   nelle   cerimonie   della fertilità.   I   Bobo   in   realtà   dispongono   di   tantissime   maschere   dai   tratti   animaleschi,   ma   quelle   a   forma   di   farfalla   sono   le   uniche   indossate   da   tutti.   La   tradizione   dei Lobi   è   tra   le   più   vive   dell'Africa,   compresi   i   riti   d'iniziazione   dyoro   per   i   giovani   maschi.   L'arte   dei   Lobi   è   molto   rinomata:   le   incisioni   in   legno   sono   simboli   a   protezione della famiglia.
M A L I
BURKINA FASO
Graffiti nella Falesia
Fiume Niger
P E O P L E
NOTTURNO
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI