Il   deserto   non   si   racconta,   si   vive.   A   lui   chiediamo   molto,   dai   silenzi   alle   emozioni,   dagli   spazi   senza   confine alla   magia   delle   sue   notti,   dalle   alte   dune   da   scavalcare   al   piacere   di   starsene   serenamente   a   cavalcioni   di una   di   loro   mentre   il   campo   si   prepara   alla   cena,   dall'assoluta   assenza   di   vita   animale   alla   varietà   di situazioni,   dal   bello   naturale   a   quello   che   sa   esprimere   l'arte   rupestre   nelle   sue   forme   migliori,   dall'eleganza della cresta delle grandi onde di sabbia alla forza delle rocce nere
Alla    fine    abbiamo    amato    il    deserto    e    lui    ci    ha amato.   All'inizio   sembra   fatto   di   nient'altro   che   di vuoto   e   di   silenzio   ma   solo   perchè   non   si   dà   ad amanti     di     un     solo     giorno.          Se     per     esso     non rinunciamo   a   molto   del   resto   del   mondo,   se   non entriamo   a   far   parte   delle   sue   tradizioni,   e   le   sue usanze, delle sue rivalità non sapremo nulla di lui. (Antoine de Saint-Exupery - Terre degli uomini)
Sulle   sabbie   del   deserto   come   sulle   acque   degli   oceani   non   è   possibile   soggiornare, mettere    radici,    abitare,    vivere    stabilmente.    Nel    deserto    come    nell’oceano    bisogna continuamente    muoversi,    e    così    lasciare    che    il    vento,    il    vero    padrone    di    queste immensità,   cancelli   ogni   traccia   del   nostro   passaggio,   renda   di   nuovo   le   distese   d’acqua o di sabbia, vergini e inviolate. (Alberto Moravia)
L I B I A
G A L L E R Y
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI