Saintes Marie   de la Mer
SANTA SARAH
Sara   la   Nera   o   Santa   Sarah,   nota   anche   con   il   nome   di   Sara-la-Kali   (Sara   la   Nera),   viene   venerata   come   santa dalla   comunità   gitana   dei   Manouches   ,   sinti   ,Coradores   e   Rom   presso   la   città   francese   di   Saintes-Maries-de-la- Mer,   nel   Camargue.   Una   leggenda   fa   di   lei   la   serva   delle   Marie   onorate   presso   il   succitato   comune.   Per un'altra   leggenda   si   trattava   di   una   donna   pagana   di   alto   rango   convertitasi   alla   religione   di   Abramo.   Sebbene sia   chiamata   anche   con   l'appellativo   di   Santa,   non   è   riconosciuta   come   tale   da   nessuna   delle   principali confessioni religiose. Secondo   il   racconto   tradizionale   Sara,   originaria   dell'alto   Egitto,   era   la   serva   nera   di   Maria   Salomè   e   Maria Iosè,   presenti   presso   la   croce   di   Gesù.   Maria-Salomè,   Marie   Iosè   e   Maria   Maddalena,   dopo   la   resurrezione   di Cristo,   andarono   alla   deriva   su   un'imbarcazione   raggiungendo   infine   le   coste   della   Francia,   dove   sbarcarono in   un   luogo   detto   Oppidum-Râ,   anche   noto   come   Notre-Dame-de-Ratis   (Râ   ha   il   suo   etimo   in   Ratis,   ovvero   in "barca");   il   nome   della   città   fu   cambiato   prima   in   Notre-Dame-del-la-Mer,   e,   successivamente,   in   Saintes- Maries-de-la-Mer   nel   1838.   Altre   versioni   della   leggenda   includono   anche   Giuseppe   d'Arimatea,   il   portatore del Graal. In   Francia,   il   giorno   in   cui   si   fa   memoria   del   loro   pellegrinaggio   è   il   24   maggio,   lo   stesso   in   cui   si   celebra   la festa   di   santa   Sara.   Il   rituale   prevede   il   trasporto   della   statua   dal   mare   alla   terraferma   al   fine   di   rievocare   il suo arrivo in Francia.
gallery
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY
somos gitanos
GITANI
LINK
PHOTOEMOZIONI