e t i o p i a
All'udire   la   parola   Etiopia,   purtroppo   la   maggior   parte   delle persone   pensa   ai   lunghi   periodi   di   carestia   che   colpirono   il paese      africano      nell'ultimo      quarto      del      Novecento, causando   la   morte   di   centinaia   di   migliaia   di   persone.   La fame    e    i    problemi    causati    dall'arretratezza    economica restano   ben   vivi,   ma   l'Etiopia   merita   di   essere   ricordata   (e visitata!)    anche    per    altri    motivi.    Non    solo    perché    le scoperte     archeologiche     degli     ultimi     40     anni     hanno dimostrato     come     questa     regione     sia     stata     la     'culla dell'umanità',   ma   anche   perché   l'Etiopia   è   l'unico   paese dell'Africa   a   non   aver   perso   la   propria   indipendenza   nel periodo     coloniale     (1870-1914),     quando     le     potenze europee   si   spartirono   gran   parte   del   territorio   africano. Ancora   oggi,   il   popolo   etiope   è   orgoglioso   della   propria tradizione    di    indipendenza.    Oltre    che    per    gli    aspetti politici,   questo   paese   africano   ricco   di   storia   e   di   cultura   si distingue   anche   per   la   religione   cristiana   ortodossa,   che   gli etiopi   sono   riusciti   a   mantenere   nonostante   nel   VII   secolo tutti i paesi limitrofi abbiano abbracciato l'islamismo.
un insieme di popoli orgogliosi
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY
NORD ETIOPIA Dancalia
SUD ETIOPIA Valle Omo River
LAGO ASSALE - CAROVANE DEL SALE LAGO ASSALE - CAROVANE DEL SALE MERCATI DI SENBETE E BATI MERCATI DI SENBETE E BATI DALLOL - ERTA ALE DALLOL - ERTA ALE SPIRITUALITA’ TIMKAT SPIRITUALITA’ TIMKAT PEOPLE PEOPLE HAMER HAMER SURMA SURMA MURSI MURSI DASSANETCH DASSANETCH NYANGATOM NYANGATOM KARO KARO
culla dell’umanità
LINK
PHOTOEMOZIONI