DOGON il popolo delle stelle
I   Dogon   sono   circa   240.000,   sparsi   nei   numerosi   villaggi   della   falesia   di   Bandiagara,   nel Mali,    zona    che    è    stata    dichiarata    "patrimonio    dell'umanità"    dall'Unesco    per    la    sua importanza culturale. Le    maschere    sono    il    simbolo    religioso    più    espressivo    della    fede    dei    Dogon,    usate durante   cerimonie   e   danze   rituali.   La   festa   più   importante   è   il   "SIGUI",   che   si   svolge ogni   60   anni   e   durante   la   quale   intagliano   un   nuovo   "iminana":   la   Grande   Maschera   a forma   di   serpente,   che   può   raggiungere   i   10   metri.   Le   maschere   sono   visibili   anche   in occasione dei funerali. La    pianta    del    villaggio    rappresenta    schematicamente    la    figura    del    corpo    umano.    I Dogon   furono   studiati   per   la   prima   volta   da   Marcel   Griaule,   che   nel   famoso   libro   "Il   Dio d’acqua"    raccontò    l’iniziazione    ricevuta    dall'Ogotemmeli,    personaggio    che    gli    aveva trasmesso   i   segreti   della   cosmogonia   della   mitologia   dogon,   rivelando   così   alla   cultura europea un mondo misterioso e affascinante.
I   Dogon   ...   un   antico   popolo   di   astronomi   in   contatto   con   altri   mondi,   una cultura antichissima e misteriosa o solo una leggenda ...?  
Nella   cultura   tribale   africana   dei   Dogon,   le   tradizioni   sacre   più   segrete sono    basate    su    ipotetici    contatti    con    esseri    evoluti    provenienti    da    un pianeta   della   stella   Sirio,   avvenuti   prima   del   3000   a.C.   Solo   pochi   anni   fa   la moderna   astronomia,   con   i   suoi   potenti   strumenti   di   osservazione   e   di calcolo,   ha   potuto   confermare   l'effettiva   esistenza   di   quel   pianeta.   I   Dogon sanno   da   secoli   che   Sirio   è   una   stella   multipla   (!)   e   che   l'orbita   ellittica   (!) della   stella   più   piccola   (invisibile   e   oggi   detta   Sirio   B),   richiede   un   tempo   di 50   anni   (!)   per   essere   completata;   inoltre   per   loro   Sirio   B   è   costituita   da materia    più    pesante    della    stella    principale    ...    e    il    tutto    è    confermato dall'odierna astronomia. I   Dogon   conoscono   i   misteri   della   stella   Sirio   ...   e   forse dell'origine dell'umanità ...
Come   è   possibile   che   essi   abbiano   queste   informazioni?   Quello   che   sappiamo   per   certo   è   che   già   le   antiche   civiltà   mediterranee   degli   Egizi   e   dei Sumeri   custodivano   straordinarie   conoscenze   astronomiche,   forse   trasmesse   da   visitatori   provenienti   da   mondi   lontani   ...   A   tal   proposito   i   Sumeri parlavano   di   esseri   anfibi   (come   Oannes)   che   istruirono   il   popolo   alle   arti   ed   alle   scienze   e   lo   stesso   fanno   i   Dogon   chiamando   questi   dei   primitivi "Nommo"
GALLERY
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY
LINK
PHOTOEMOZIONI