CINA SHAN E SHUI, I MONTI E LE ACQUE LE ETNIE PERDUTE dal   Gansu   allo   Yunnan,      un'incredibile   alternarsi   di   magnifici   paesaggi,   originali   architetture   e   caratteristiche   popolazioni.   La spiritualità del mondo tibetano con le grandi praterie, gli altopiani ed i monasteri. Quindi   i   costumi   e   le   tradizioni   degli   Yi,   dei   Mosuo,   dei   Naxi   e   dei   Bai....   un   vero   caleidoscopio   di   culture   che   si   esprime   nei mercati, nell'artigianato, nei villaggi e nel folclore delle feste. Di tutto rimane la consapevolezza di essere stati testimoni di una realtà che cambia in fretta e che presto scomparirà. Un anno in Cina equivale a 10 anni in occidente!!
CINA
NEL   1981   QUANDO   HO   SCATTATO      QUESTE      FOTO,   LA   VERA   CINA   ERA   PROIBITA   AGLI   OCCHI   INDSCRETI   DEL   MONDO   ESTERNO, MA ERA GIA’ COMPRENSIBILE IL RUOLO DOMINANTE CHE AVREBBE AVUTO NEGLI ANNI FUTURI.
NELLO STESSO PERIODO TIZIANO TERZANI HA VISSUTO PER QUATTRO ANNI A PECHINO PRIMA DI ESSERE ESPULSO, RACCONTANDO QUESTA STRAORDINARIA ESPERIENZA IN UNO DEI SUOI LIBRI PIU’ BELLI ED ATTUALI «LA PORTA PROIBITA».
La Cina si stà sempre più uniformando all'occidente e le nuove generazioni sono ormai la copia sbiadita di qualsiasi  giovane di una qualunque città europea o americana. Per questo MI PIACE RICORDARE la Cina del passato  o di un presente che stà  scomparendo.
LA SPIRITUALITA’ DEL MONDO TIBETANO
LE ETNIE PERDUTE
Gli   Yi   il   vecchio   nome   "Lolo"   è   ora   considerato   dispregiativo   in   Cina,   sebbene   sia   ufficialmente   usato   in   Vietnam   sono un   gruppo   etnico   facente   parte   dei   56   gruppi   etnici   riconosciuti   ufficialmente   dalla   Repubblica   popolare   cinese,   e   dei 54 gruppi etnici ufficialmente riconosciuti dal Vietnam. Vivono   principalmente   in   abitazioni   rurali   nelle   province   del   Sichuan,   Yunnan,   Guizhou   e   Guangxi,   di   solito   in   zone   di montagna.   Secondo   una   statistica   del   1999,   ci   sono   circa   3300   Lô   Lô   nelle   province   vietnamite   di   Hà   Giang,   Cao   Bằng e Lào Cai. Gli Yi parlano la lingua Yi, del ceppo linguistico tibeto-birmano e molto simile alla lingua birmana I   mosuo       noti   anche   come   Moso   o   Mosso,   sono   un   piccolo   gruppo   etnico   che   vive   nelle   province   cinesi   dello   Yunnan e   del   Sichuan,   con   una   popolazione   di   circa   50.000   individui,   la   maggior   parte   dei   quali   si   trova   vicino   al   lago   Lugu.   Gli antenati   degli   odierni   Naxi   e   Mosuo   migrarono   dal   Tibet   attorno   al   1000   d.C..   Parte   del   gruppo   si   è   fermato   nei   pressi del   lago   Lugu   dando   origine   ai   Mosuo,   mentre   il   resto   ha   proseguito   verso   sud   fino   a   Lijiang   dove   oggi   vivono   i   Naxi. Dopo    molti    secoli,    i    due    gruppi    hanno    sviluppato    una    notevole    differenza    etno-linguistica.    Nonostante    queste differenze,   per   la   classificazione   in   uso   nella   Repubblica   Popolare   Cinese,   l'etnia   Mosuo   appartiene   allo   stesso gruppo dei Naxi. I   naxi    o   anche   nakhi,   sono   uno   dei   gruppi   etnici   tra   le   55   minoranze   riconosciute   ufficialmente   dalla   Repubblica popolare   cinese.   Sono   censiti   circa   300   000   nàxī,   concentrati   essenzialmente   nel   distretto   di   Gucheng      Li   Jiang   Gu Cheng   Qu   e   nel   paese   autonomo   di   Yulong   che   assieme   costituiscono   formalmente   la   città-prefettura   di   Lijiang   della provincia   dello      Yunnan,   ed   il   nome   cinese   della   lingua   naxi   è   nàxīyu.   Oltre   ai   naxi   della   regione   di   Lijiang   si   registrano comunità minori nel sud-ovest della provincia del Sichuan ed in territorio tibetano. I   bai    sono   un   gruppo   etnico   riconosciuto   ufficialmente   dalla   Repubblica   popolare   cinese.   Nel   2000   si   attestavano   a 1.858.063    persone.    Vivono    principalmente    nelle    province    dello    Yunnan    (prefettura    autonoma    bai    di    Dali),    del Guizhou   (area   di   Bijie)   e   dell'Hunan   (area   di   Sangzhi).   Circa   1.240.000   Bai   (2003)   parlano   la   loro   lingua   nativa   (lingua bai),   in   tutte   le   sue   sfumature   dialettali.   La   lingua   fa   parte   della   famiglia   tibeto-birmana.   Durante   le   dinastie   cinesi Han   e   Jin,   i   bai   erano   conosciuti   con   il   nome   di   kunming.   In   seguito   furono   usati,   in   successione,   i   termini   heman, baiman   e   bairen.   Il   nome   bai   è   stato   ufficializzato   dal   governo   cinese   (bai   significa   "bianco"   in   cinese).   L'economia   di questo   popolo   si   basa   quasi   esclusivamente   sull'agricoltura   (tabacco   e   canna   da   zucchero)   e   sulla   pesca.   Sono principalmente buddhisti tibetani ed adorano una divinità chiamata Benzhu.
Il    grande    monastero    di    Labulengsi,     anche    chiamato    Labrang ,    che    comprende    sotto    la    sua giurisdizione   più   di   sessanta   monasteri   minori.   A   Labulengsi   vi   sono   attualmente   più   di   ottocento monaci   ed   è   quanto   mai   interessante   osservare   il   loro   modo   di   vivere,   entrare   nelle   grandi   cucine luccicanti   di   splendide   brocche   di   rame,   assistere   alle   cerimonie,   seguire   i   pellegrini   -   alcuni   dei quali   giungono   sin   qui   dalla   lontana   Lhasa   -   che   percorrono   il   rituale   itinerario   in   ginocchio alzandosi solo per far ruotare i mulini di preghiera.
GALLERY
I diritti d’autore di tutte le fotografie sono di proprietà di Paolo Grappolini  2016 PhotoEmozioni - Tutti i diritii riservati Paolo grappolini p  h  o  t  o  g  r  a  p  h  e  r  paolograppolini@virgilio.it  Impruneta F I R E N Z E  ITALY LINK
PHOTOEMOZIONI